La tregua olimpica

La tregua olimpica

«Come l’acqua è il più prezioso di tutti gli elementi, come l’oro ha più valore di ogni altro bene, come il sole splende più brillante di ogni altra stella, così splende Olimpia, mettendo in ombra tutti gli altri giochi»

Pindaro

Il 22 luglio 776 a.C. nascevano i primi Giochi olimpici

La Tregua Olimpica ha una storia di 3.000 anni, che risale a quando gli antichi Greci stabilirono la sacra tregua di Ekecheiria per consentire la partecipazione ai Giochi Olimpici di tutti gli atleti e spettatori delle città-stato greche, che altrimenti erano quasi costantemente impegnati in conflitto l’uno con l’altro.

Il presidente dell’Assemblea generale Abdulla Shahid ha rivolto un appello a tutti gli Stati membri affinché dimostrino il loro impegno per la tregua olimpica e intraprendano “azioni concrete a livello locale, nazionale, regionale e mondiale per promuovere e rafforzare una cultura di pace e armonia”.

Il segretario generale António Guterres sta esortando il mondo a “costruire una cultura di pace” attraverso il potere dello sport, chiedendo alle nazioni di osservare la tregua olimpica

La risoluzione 76/13 delle Nazioni Unite, intitolata “Costruire un mondo pacifico e migliore attraverso lo sport e l’ideale olimpico”, è stata co-sponsorizzato da 173 Stati membri delle Nazioni Unite e adottata per consenso.

Ha chiesto il rispetto di una tregua durante i Giochi di Pechino del 2022, a partire da sette giorni prima dell’inizio dei Giochi Olimpici, il 4 febbraio, fino a sette giorni dopo la fine delle Paralimpiadi.

Ha inoltre incoraggiato tutti gli Stati membri a cooperare con il Comitato olimpico internazionale (CIO) nell’utilizzo dello sport come “strumento per promuovere la pace, il dialogo e la riconciliazione nelle aree di conflitto durante e oltre il periodo dei Giochi Olimpici e Paralimpici”.

Il presidente del CIO Thomas Bach ha descritto la risoluzione come “un grande riconoscimento” della missione dei Giochi “di unire i migliori atleti del mondo in una competizione pacifica e di stare al di sopra di qualsiasi disputa politica”.

“Questo è possibile solo se i Giochi Olimpici sono politicamente neutrali e non diventano uno strumento per raggiungere obiettivi politici”, ha precisato.

Per altre notizie:

www.haveaniceday.news

Fonti:

https://news.un.org/en/story/2022/01/1110462?utm_source=UN+News+-+Newsletter&utm_campaign=7cdf52eac9-EMAIL_CAMPAIGN_2022_01_25_01_25&utm_medium=email&utm_term=0_fdbf1af606-7cdf52eac9-108030093

Credit foto:

https://pixabay.com/it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *